archivio

Linux/Free Software

Ecco cosa stà bollendo in pentola…

Signori e signore, giovani e non più giovani, ho il piacere di presentarvi Pallinux, il nostro nuovo amico e il migliore amico del vostro PC, l’insegnate che guiderà i bambini alla scoperta del computer e del software libero, nato dalla mente e dalle mani di Fabio “Pixel” Colinelli.

Pallinux = Ho il pallino per Linux!

Stiamo ancora definendo bene il personaggio e le storie… quindi… state sintonizzati. ;)

L’immagine è disponibile con licenza Creative Commons attribuzione non commerciale, l’opera è di Fabio Colinelli.

Beh… che dire… è sempre dura tornare a casa, soprattutto dopo aver passato (quasi) tre giorni con delle persone stupende e conoscendone di nuove! (peccato per chi non è potuto esserci… la prossima volta ce devi da esse!)

I talk di Renzo Davoli sono stati strabilianti! Uno meglio dell’altro… soprattutto la demo finale sul suo campo di ricerca, una cosa unica… a qualcuno vicino a me (e anche a me) è caduta la mandibola… virtualizzazione portata agli estremi!

La giornata del meeting è stata molto interessante, in tutte le sue parti: il talk di Gaspa (Andrea Gasparini) per quanto riguarda i “Bug Day” e i “Bug Jam” da organizzare qui in Italia (e speriamo di riuscire a farne uno entro breve a Bologna); il talk di Luca sullo sviluppo di Ubuntu; quello di Lorenzo sulla nostra comunità; la discussione di Stativa sullo sviluppo di software libero in Italia e i loro problemi affrontati e da affrontare; le chiacchierate con Pierba a pranzo; le discussioni varie tutte… c’è troppo da dire e le parole non rendono l’idea di quello che è stato…

Grazie al Comune di Cesenatico, all’assessore Dino Golinucci, a Renzo Davoli, ai rappresentati dei LUG presenti e a tutte le persone “esterne” venuteci a trovare!

Un po’ di collegamenti utili:

Ragazzi (anche se il patacca ragazzo non lo è più, ma un po’ geriatri(x)co sì! :D ), grazie a tutti!

Vado a dar da mangiare al cane! ;)

Con un po’ più di calma, riporto alcune notizie apprese durante il fine settimana a Siena in compagnia di Mako. Tra una chiacchierata e l’altra, tra un bicchiere di vino e una fetta di cinta senese, abbiamo parlato con Mako di ZFS (qualche informazione in più la si trova qui) uno dei migliori (sulla carta) file system in circolazione.

Perché si è parlato di questo? Perché ci potrebbe essere la possibilità che ZFS venga rilasciato sotto GPLv3… è da prendere con le pinze e non sarà una cosa imminente (ma dalla Sun ci si può aspettare di tutto ultimamente!), ma se così fosse, anche ZFS potrebbe essere incluso nel kernel Linux, cosa che attualmente non è possibile proprio per motivi di licenza.

Oltretutto, se ZFS venisse rilasciato con GPLv3, forse forse anche il kernel di Linux potrebbe passare alla GPLv3… per lo meno questa sembrerebbe essere l’intenzione di Linus a detta di Mako. Avere un file system del genere nel kernel di Linux non sarebbe affatto una brutta cosa, anzi! Mako ha detto che dovrebbe iniziare a prendere contatti con Sun in questo periodo… vedremo…

Notizie anche dal mondo OpenMoko: purtroppo Mako non aveva con sé il telefono… perché a quanto pare ancora non ci siamo. A livello hardware funziona… ma a livello software non è ancora stabile abbastanza. Tempi richiesti, secondo lui, circa un anno. Però nel frattempo si può provare a far funzionare il telefono con Qtopia.

Come ho già detto nell’altro messaggio, abbiamo proposto di portare il prossimo UDS qui in Italia. Quello imminente, se non sbaglio a maggio, si farà a Praga, quello autunnale sembra verrà fatto o in Sud America o comunque nel territorio di oltre oceano, qui in Italia, quindi, potrebbe essere esattamente tra un anno. Ci ha comunque consigliato di provare a organizzare anche un UbunCon, che a differenza dell’UDS è un evento più generale e alla portata di tutti; l’UDS è molto incentrato sul lavoro per la distribuzione con tempi molti ristretti e non ci sono “talk” o cose di questo genere. L’UbuCon invece è un evento comunitario… una sorta di “Ubuntu Day”…

Oltre a questo abbiamo parlato anche d’altro, delle comunità in generale, di come poter ridar vita ai LUG, della FSF… e abbiamo bevuto e mangiato anche tanto! :D

Tornato oggi pomeriggio da Siena.

Assieme al buon Fabio (Pixel) siamo andati a trovare Paolo Sammicheli che ospitava a casa sua Benjamin Mako Hill. Giornata di sabato passata tra le colline fuori Siena, cenone la sera e una cosa tranquilla la domenica. Un bel fine settimana, rivisto alcune persone conosciute a gennaio al meeting di ubuntu-it e conosciute di nuove.

Mako è forte, un grande “activist” del software libero e di tecnologia libera. Gli abbiamo proposto di fare il prossimo UDS qui in Italia, vedremo se si riesce a fare qualche cosa (se non quello almeno qualcos’altro…).

Qualche foto la potete trovare qui.

A parte il pessimo titolo, di cui non mi piacciono nemmeno i Linkin’ Park (questo nu-metal non mi convince… dovrebbero fare gnu-metal! :D altra battuta del ca…), usate LinkedIn? Fate parte della Comunità italiana di Ubuntu o vi partecipate in qualche modo? Siete dei fan di Ubuntu? (le groupie sono ben accette… anzi, meglio accette…)

Bene, se avete risposto sì ad almeno una delle domande di cui sopra, potete entrare anche voi a far parte del nuovo gruppo Ubuntu-it su LinkedIn!

Fatevi avanti!

La peggior traduzione mai vista:

“Initializing…”

“Nell’inizio…”

Nemmeno il pesce babele sarebbe così ardito… La fonte è un lettore MP3 del cavolo comprato per essere collegato alla centralina telefonica dell’azienda, per allietare quelli che telefonano.

Devo caricarci gli MP3 dei Sepultura… poi vedi come si allietano al telefono.

Non è comunque l’unico caso di mala-traduzione in quell’aggeggio, è tutto un disastro.

La traduzione più fantasiosa però resta sempre questa:

Windows Networking

Il Network: finestre

Imbattibile! La fonte… cercatevela! :D

… che non vuol dire “Di Origine Controllata” e quindi non è un vino… ubriaconi!

Significa invece “documentazione”… sì, il vostro programma preferito per masterizzare film e musica scaricata illegalmente legalmente da Internet su CD o DVD, avrà, prima o poi, anche la sua bella documentazione. Diciamo che se continuo così è più poi che prima, ma qualche cosa si sta facendo.

Verrà/Viene scritta a quattro mani (più altre due di un supervisore), il tutto attraverso Launchpad e verrà poi inclusa upstream direttamente nel programma… Ho già caricato una prima parte, ma simpaticamente il mio commit è stato sovrascritto (era il 5) e nella revisione non si vede più… e non è colpa mia! Va beh… non che mi interessi molto… però imparare a usare bzr?!? :D

Il documento sta prendendo forma pian pianino, una struttura preliminare da seguire è presente su live.gnome.org (nulla di nuovo, documentazione standard di GNOME), ma potrebbe anche subire cambiamenti da qui alla fine. Si vedrà mai la fine? Beh, penso di sì… però se si sapesse cosa hanno intenzione di fare anche gli sviluppatori di Brasero non sarebbe male… avvisano dell’uscita di una nuova versione solo una settimana prima… chissà che non venga incluso in GNOME in futuro così i rilasci sono conosciuti.

A parte questo… qualcuno mi spiega come fa Debian a usare la documentazione sotto GFDL? Sembra che nemmeno questa sia compatibile con le loro linee guida e tanto meno con le CreativeCommons… ma ri-licenziano tutta la documentazione di GNOME? Mah…

Edit:

sembra che le revisioni siano tornate… anche troppe forse…

Yawnnnn!!! (sbadiglio se non si era capito)

E anche questa l’abbiamo fatta… il primo meeting di Ubuntu-it… Sono rimasto contento (come sembra siano rimasti contenti anche gli altri presenti), sono stati 3 (per chi c’era il venerdì, altrimenti due) giorni fantastici, ottima cucina, grandi risate!

Siena come location per un meeting è l’ideale, facile da girare a piedi, tutto è molto vicino e poi è una bellissima città (il clima è stato clemente con noi!). L’unico problema volendo sono i trasporti per arrivare a Siena, ma comunque non è molto difficile.

La mancanza di una connessione a internet il giorno del meeting non ha influito molto sul suo svolgimento, anzi, in questo modo forse siamo riusciti a concentrarci di più sugli argomenti e le persone lì presenti. Discussioni interessanti, nuove idee, molte cose da sistemare e migliorare, tanto lavoro da fare! Come sempre! :)

Ora bisogna rimboccarsi un po’ le maniche, sfruttare la sica di emozioni di questo incontro per arrivare a fine aprile con molte delle proposte emerse durante il meeting attive/attivate/fatte e perché no, anche con altre che ancora non sono state nemmeno pensate…

Un grazie allo SLUG, a Paolo che ci ha fatto da cicerone e a tutti i presenti!

Ah… quasi dimenticavo… il vero life motive del meeting:

“Io non so una sega… ma secondo me, c’è qualche cosa che non quadra!”

:)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.