archivio

Traduzioni

Dopo il piccolo grattacapo di evolution-data-server (non evolution in sé, ma evolution-data-server) e il piccolo problema del file col nome sbagliato, ora comunque corretto (era tardi, eravamo stanchi e stavamo cercando di dare una soluzione rapida e indolore; pare ora che i permessi siano errati sul file, ma in teoria dovrebbe funzionare lo stesso, più tardi controllo), adesso per me arrivano le rogne.

Rogne… oddio… non è proprio una rogna, ma una gran rottura di palle.

Perché questo? Perché dato che, diciamo, un amico di un mio amico ha un computer un po’ piccolino (un Dell Mini 9), non può certo clonare i repository di GNOME per farne i push (eh… bisogna imparare nuova terminologia qui!), no, tocca al sottoscritto questa volta…

Come anche i sassi sanno, GNOME ora è passato a git (ora, cioè… si sa se il passaggio è finito? è da ieri che va avanti e nessuno ha ancora detto nulla…), il DVCS che tutto fa e tutto ha, onnisciente e onnipotente, divino e superiore, ma che non è in grado di clonare una singola directory per fare un semplice commit+push (è un problema di tutti i DVCS comunque), pare, ma qui mi rifaccio al caro e vecchio “dear lazy web”, pare che mi tocchi clonare tutta la storia di un singolo repository per fare un singolo commit+push.

No cioè… questo è quello che è lo stato di evolution-data-server: http://git.gnome.org/cgit/evolution-data-server/refs/ ? Io dovrei scaricare tutta quella roba? Per fare un commit io dovrei scaricare 10 anni di storia di un repository quando mi servono master e gnome-2-26?

Se uso –depth 1 pare non ci sia molto guadagno… ma posso lo stesso fare il commit+push usando l’opzione –depth 1 visto che non è una copia vera e propria?

Se domani volessi mettermi a compilare con jhbuild devo comprare un NAS da 8 TiB?

No, ma dico io… è possibile? Cioè è possibile?

E ha anche accesso all’SVN di GNOME!

Ti segnalano un bug su una traduzione e poi chi fa il commit ti incasina le traduzioni… ma ogni tanto RTFM non sarebbe meglio? Esistono per qualche cosa…. la gente li scrive… leggiamoli. E si che SVN è la fuori da un bel po’…

Cioè, la gente si fa il culo, cerca di capire messaggi criptici, traducono stringhe su stringhe per poter far usare e apprezzare i programmi a più persone possibili… e poi… trac… tutto a remengo…

Ma per piacere… già è un casino chiedere accesso all’SVN di GNOME, se poi chi ce l’ha fa casino…

Ok… dovrei tradurlo come “Chiuso su di te” questo?

No perché stando a quelli della Hertz, “Close” per chiudere una finestra-pop-up-ajax-quel-che-è vuol dire “Vicino”.

Quando l’ho visto sono rimasto a fissarlo pensando “ma vicino a cosa?”, “e ora cosa faccio?”, “cosa succede?”, c’è stato un attimo di smarrimento, ho iniziato a vedere la mia vita passarmi davanti, un turbinio di bei ricordi, un tripudio di immagini… per poi essere riportato alla triste e amara realtà dallo squillo (non da una squillo…) del telefono dell’ufficio…

msgfmt -cvo /dev/null iso_3166_2-2.0.it.po

4423 messaggi tradotti.

Wow… è stata mooolto lunga, ma è finita anche questa… ora resterebbe da fare il livello 3 di ISO 639 (7602 stringhe), però non sembra essere presente all’interno del TP, c’è solo su Launchpad… mah, per il momento meglio mettersi a fare altro…

“Fuzzy” tradotto come “intelligente” presente nell’interfaccia di Pootle non mi entusiasma per niente…

Quando l’ho vista ci ho pensato su un attimo, poi ancora un po’, l’ho fissata per un pezzo pensando a chissà quali oscuri misteri, pensando fosse un qualche cosa di nuovo di gettext o che Pootle usasse dei termini nuovi… invece no, è proprio il buon vecchio fuzzy.

Avrei visto meglio un “ipotizzate”, le stringhe fuzzy di intelligente non è che abbiano molto… e poi, la “fuzzy logic” non è la “logica intelligente”…

Allora:

  • piove
  • la rete oggi in azienda va a singhiozzo
  • il wiki di ubuntu-it è giù
  • non riesco a collegarmi in SSH al server
  • i sysadmin non rispondono
  • hanno deciso di usare la licenza BSD per le traduzioni su Launchpad

Andiamo con ordine, ma non con calma, sono solo le 9 è ho già le palle girate:

  • è il 17 di giugno e il tempo è ancora uno schifo immane, ma totale proprio, ci saranno 15 gradi, piove, forse se se ne vanno le nuvole vedo pure la neve in montagna, devo emigrare… ma lontano però…
  • la rete oggi non so cosa abbia, ma quando sono arrivato in ufficio andava a stenti, per tentativi… sarà stufa del maltempo anche lei? Sta di fatto che io sono stufo della rete…
  • il wiki di ubuntu-it è giù, ma dannatamente giù, pesantemente, K.O… penso sia giù da ieri notte…
  • una vaga idea di cosa possa essere forse ce l’ho, ma finché non riesco a collegarmi in SSH al server non si fa nulla… Connection timed out… te e anche chi ti ha inventato… ma perché Windows XP non ha dei bei servizi a riga di comando, disponibili, senza dover diventare scemi per cercarli o installarli? Un bel pacchetto (già è un’eresia dire pacchetto in Windows…) con SSH da poter usare a riga di comando senza dover pagare 50 euro? Mah… e poi dicono che Linux non vada bene… sarà ma io mi ci trovo meglio…
  • se nemmeno i sysadmin danno segni di vita… tanto peggio… il wiki finché qualcun altro con accesso al server non si fa sentire resterà giù…
  • hanno deciso di usare la licenza BSD per le traduzioni fatte attraverso Launchpad. C’è tempo fino al 31 luglio per dare l’assenso all’utilizzo della licenza, scegliendo di non licenziare le proprie traduzioni verranno eliminate. Ora, non ho dato ancora l’assenso… mi devo leggere per bene la licenza, le sue implicazioni e anche il perché sia stata scelta proprio quella particolare licenza. Dovrebbe essere qualche cosa di simile al disclaim del Translation Project, quindi non dovrei avere grossi problemi… ma c’è tempo e non si sa mai. E se per caso non mi andasse bene? Che succede? Boh…

Non me ero accorto prima, altrimenti la facevo giusta in tempo la traduzione…

Esiste un nuovo semplice programma per la gestione degli effetti visivi di Compiz e CompizFusion, simple-ccsm, una versione semplificata di ccsm (CompizConfig Settings Manager), installabile facilmente su Ubuntu.

Per chi volesse la traduzione italiana, è qui con le istruzioni per copiare il file.

Ah… non è interamente traducibile il programma in questione, ma ho già inviato una patch…